Olivetti M1, 1911

Macchina per scrivere standard manuale



Hammond Model 2, 1888

Macchina per scrivere meccanica a scrittura cieca



Blickensderfer Modello 5, 1893

Macchina per scrivere portatile a scrittura superiore



Remington 7, 1896

Macchina per scrivere standard manuale a scrittura cieca



Mignon Modello 2, 1905

Macchina per scrivere con tasto unico ad indice



Corona Modello 3, 1912

Macchina per scrivere portatile manuale



Olivetti M20, 1920

Macchina per scrivere standard manuale



Invicta 60, 1921

Macchina per scrivere standard manuale



Olivetti MP 1, 1932

Macchina per scrivere portatile manuale



Olivetti Studio 42, 1935

Macchina per scrivere semi-standard manuale



Olivetti M40 KR, 1942

Macchina per scrivere standard manuale – versione speciale



Olivetti M40 mod.3, 1946

Macchina per scrivere standard manuale



Olivetti Lexikon 80, 1948

Macchina per scrivere standard manuale



Olivetti Lettera 22, 1950

Macchina per scrivere portatile manuale



Olivetti Lexikon 80 E, 1950

Macchina per scrivere standard elettrica



Antares Parva, 1950

Macchina per scrivere portatile manuale



Olivetti Studio 44, 1952

Macchina per scrivere semi-standard manuale



Olivetti Diaspron scuola, 1959

Macchina per scrivere standard manuale



Olivetti Raphael, 1961

Macchina per scrivere standard manuale



Olivetti 84, 1961

Macchina per scrivere standard elettrica



Olivetti Lettera 32, 1963

Macchina per scrivere portatile manuale



Olivetti Praxis 48, 1964

Macchina per scrivere semi-standard elettrica



Olivetti Lettera de Luxe, 1965

Macchina per scrivere portatile manuale



Olivetti Editor 5, 1965

Macchina per scrivere standard elettrica



Olivetti Dora, 1965

Macchina per scrivere portatile manuale



Olivetti Tekne 4, 1965

Macchina per scrivere standard elettrica



Olivetti Studio 45, 1967

Macchina per scrivere semi-standard manuale



Olivetti Valentine, 1969

Macchina per scrivere portatile manuale



Olivetti Lettera 36, 1970

Macchina per scrivere portatile elettrica



Perkins Easy Braille, 1972

Macchina per scrivere manuale per non vedenti



Olivetti Lexikon 82, 1974

Macchina per scrivere portatile elettrica



Olivetti Lexikon 90, 1975

Macchina per scrivere standard elettrica



Robotron – ERIKA Mod. 100, 1977

Macchina per scrivere portatile manuale



Olivetti TES 401, 1978

Sistema di scrittura



Olivetti ET 101, 1978

Macchina per scrivere standard elettronica



Olivetti ET 201, 1979

Macchina per scrivere standard elettronica



IBM DISPLAY WRITER, 1980

Sistema di elaborazione testo desktop



IBM SELECTRIC III, 1980

Macchina per scrivere standard elettrica



Olivetti Praxis 35, 1980

Macchina per scrivere portatile elettronica



Olivetti ET351, 1981

Sistema di scrittura



Canon Starwriter 60, 1985

Sistema di scrittura



Olivetti – ETV 240, 1985

Sistema di scrittura



Olivetti – ET Personal 55, 1988

Macchina per scrivere portatile elettronica



XEROX 6002, 1990

Macchina per scrivere standard elettronica



Erika Pict 501, 1994

Appartiene alla categoria di macchine per scrivere Braille con testina fissa e carrello mobile.







La sezione è dedicata a Camillo Olivetti (1868-1943), il fondatore della “Prima fabbrica italiana di macchine per scrivere”.


Per alcuni secoli le macchine per scrivere, opera di inventori solitari, sono il frutto di esperimenti solitari e senza pratiche applicazioni, che non riescono in alcun modo a scalfire la supremazia della scrittura manuale e il “prestigio” delle penne d’oca. Il primo strumento per scrivere risale al 1500. Di questo ritrovato non si sa molto di più di quanto ci tramandano le antiche cronache, che lo descrivono come “una sorta di scrittura tattile” fatta di dadi di legno montati su aste recanti caratteri in rilievo. L’autore è un certo Rampazzetto. Seguono nel tempo aggeggi macchinosi e frutto di visioni diverse: ognuno degli inventori infatti si lascia guidare dal proprio estro, dalla propria idea, ottenendo come risultato degli strani oggetti curiosi e dai nomi bizzarri che oggi ci fanno ancora sorridere; nomi anche complicati, come Tachigrafo, Tachitipo, Machine tachigraphique, Chirographer… dietro i quali si celano spesso zoppicanti trabiccoli di legno, marchingegni scarsamente utilizzabili e mai prodotti in quantità rilevanti. Tuttavia, proprio alcune geniali intuizioni di di epoche lontano permetteranno in futuro di progettare e produrre macchine per scrivere e macchine da calcolo meccanico come quelle mostrate in questa esposizione.


Laboratorio-Museo Tecnologicamente
Piazza San Francesco d'Assisi 4, 10015 Ivrea (TO)
Tel 0125.1961160 / info@museotecnologicamente.it
Crediti